Storia del Presepe - IL NATALE DI GAIA

Vai ai contenuti

 E-mail  Banner  Amici  Credits  C-Box  Awards

Buone feste!

La storia del Presepe


    La parola "presepe" significa letteralmente "mangiatoia" e indica la "culla"  nella quale (come è raccontato nel Vangelo di Luca), fu collocato il Bambino Gesù alla sua nascita, non avendo la santa coppia: Giuseppe e Maria,  trovato alloggio nella locanda.
Si parla anche di una grotta nella quale era collocata la stalla e si riscontra la presenza del bue e dell'asinello che con il loro alito riscaldano la culla.
    Gli angeli annunciarono la Nascita ai pastori che accorsero ad adorarlo, mentre una stella cometa guidava i Re Magi, che dal lontano oriente portavano doni al neonato Salvatore.
    I Magi erano tre e rappresentavano le tre età dell'uomo: gioventù, maturità e vecchiaia. I doni da loro portati erano incenso, oro e mirra e indicavano la natura di Gesù: l'incenso per la sua Divinità, la mirra per la sua umanità, l'oro perché era un dono riservato ai re.
E' in base a questi elementi icristiani hanno rappresentato nelle loro opere la nascita di Gesù: tra Maria e Giuseppe, nella mangiatoia, dietro la quale spuntano le teste del bue e dell'asinello. Davanti ad essa i pastori in atteggiamento di adorazione.
    Il presepe nasce dalla immaginazione di San Francesco d'Assisi che nel 1223, nello scenario umbro di Greggio, avrebbe rievocato la natività mettendo in una vera mangiatoia un neonato e presentandolo ai fedeli convenuti perché lo venerassero come simbolo del Divino Bambinello Gesù. L'episodio fu poi magistralmente dipinto da Giotto nell'affresco che orna la Basilica Superiore di Assisi.
    Il primo presepe, non vivente e non dipinto ma composto dalle classiche statuine che rappresentano la natività di Gesù è stato costruito a Napoli.

I simboli del presepe:
- Il Bue e l'Asinello sono i simboli del popolo ebreo e dei pagani.
- I Magi sono considerati come la rappresentazione delle tre età dell’uomo: gioventù, maturità e vecchiaia. Oppure come le tre razze in cui, secondo il racconto biblico, si divide l’umanità: la semita, la giapetica, e la camita.
- Gli angeli sono esempi di creature superiori.
- I pastori rappresentano l’umanità da redimere e l’atteggiamento adorante di Maria e Giuseppe serve a sottolineare la regalità del Nascituro.
- I doni dei re Magi hanno il duplice riferimento alla natura umana di Gesù e alla sua regalità: la mirra per il suo essere uomo, l’incenso per la sua divinità, l’oro perché dono riservato ai re.

Buon

Natale

da

Gaia

...Auguri...







Google PageRank Checker Tool CSS Valido! sito protetto Licenza Creative Commons



 
Sito è on-line dal 07.12.2014, grazie a tutti gli amici che sono passati a trovarmi... ♥
Torna ai contenuti